L'umiltà

Io penso che lumiltà, quella vera, sia un ottimo servizio alla Verità. E infatti, se ci insuperbiamo, cosa succede? Che diventiamo antipatici, in molti dei nostri intenti non riusciamo (o quantomeno non riusciamo come vorremmo: magari ci piacerebbe qualcuno che ci dice Bravo, complimenti!). E poi la superbia è quel vizio che maggiormente crea e aumenta il rischio di allontanarci da Dio.
Un canzone abbastanza famosa, di un celebre gruppo rock diceva così: Cause those that cant to, often have to preach che liberamente potrei tradurre perché coloro che non possono fare (ciò che vogliono) spesso devono pregare guarda caso quel gruppo agli esordi parlava di Dio, poi è diventato un fenomeno di massa e commerciale
Infatti questo mi sembra un tipico esempio di superbia: il concetto base è che il povero (economicamente) prega semplicemente perché non può fare niente di meglio. Il ricco invece non ne ha bisognoio dico perché: perché è superbo. Il ricco-superbo non prega perché ha tutto, a cosa gli serve pregare?...Non intendevo qui dire che tutti i ricchi sono superbi, né aprire largomento sulla relazione tra prosperità e arroganza. Vorrei solo dire che questo modo di ragionare, a mio avviso, è un inganno bello e buono. Infatti la vera umiltà consiste nel riconoscere se stessi realmente: è un servizio alla Verità. Chi è umile si scoprirà: creatura, limitato, peccatore; in cammino, col bisogno di crescere. Cerca il Bene Vero, la Volontà di Dio, nella preghiera; non gli interessano gli applausi del mondo, che oggi ci sono e domani sono finiti: ricordiamoci a tal proposito Nostro Signore Gesù, prima accolto trionfalmente a Gerusalemme con mille Osanna, e pochi giorni dopo barbaramente torturato e ucciso. Questa è la gloria del mondo. E se vogliamo pensare alloggi, guardiamo le varie bellone della TV , oggi esaltate, domani cadute nel nulla.
Quando si è umili si guarda alla verità tutta intera; e la si vede con amore: perché lumiltà fa amare Dio prima che se stessi. E quindi fa amare gli altri, in Verità.
E poi non ci dimentichiamo gli effetti malevoli, a livello psicologico, della superbia: chi si sente bravo, non saprà sopportare nessuna sconfitta. Ne subirà dolorose conseguenze, a volte anche devastanti. Talvolta il superbo non riuscirà a fare una buona azione, anche semplice e quotidiana come fare un sorriso a una persona vicina e/o salutarla (1), perché non sopporterebbe il non riceverne altrettanto.
Lumile invece riconosce i suoi pregi e i suoi limiti; cammina sempre, e quando inciampa non si sconvolge se ad aiutarlo è un bambino. E molto disposto a donarsi perché guarda sempre a Dio, a lui dedica le sue azioni; quindi cerca sempre il Bene, la Bellezza, la Verità. Lumile gode sempre della bellezza che trova in se stesso e negli altri: lumile cerca Dio, e di Dio è la manifestazione
-----------------------------
(1)Qualsiasi persona che sia: un amico come un collega di lavoro
-----------------------------
Ok ho concluso, ora vado a Messa rimaniamo uniti sempre nella preghiera!!!
Un caro saluto a tutti,
buona Domenica, giorno del Signore!

Fabrizio