Gesù, fissatolo lo amò!

Gesù fissatolo, lo amò! Non finisce mai di emozionarmi questa espressione, più la ripeto dentro di me, più sento la dolcezza di Gesù che oggi nel medesimo modo guarda ognuno di noi....

Immaginate quei suoi occhi nei vostri...

Quel suo sguardo che ti ama e ti dice di averti amato da sempre, quello sguardo che non guarda a chi sei nel mondo, ma quanto ami, quello sguardo pieno di rispetto per la tua persona, quello sguardo che ha tanta compassione dei tuoi peccati, quello sguardo che va dritto al cuore e ti fa anche piangere perchè ti rivela il volto dell'Amore gratuito..di quella Carità che tutto copre, tutto crede, tutto spera, tutto sopporta...

Il vangelo di oggi ci parla della tristezza del giovane, ma tace della tristezza del Maestro, vistosi respinto a vantaggio di beni materiali e fugaci...eppure l'amava...

Riflettiamo per un attimo sulla scelta di quel ragazzo...dopo essersene andato avrà continuato ad accumulare beni su beni..oggetti che oggi valuteremo come anticaglia per appassionati di antiquariato e nulla più...e per un pugno di beni il giovane ricco ha rifiutato Cristo fonte di ogni bene, e vera felicità, la stessa Vita Eterna! Materialmente cari fratelli, oggi noi disponiamo di beni assai migliori, abbiamo centinaia di oggetti e comodità...tanto da poter dire che in ognuno di noi si nasconde un giovane ricco...
Il problema di quel giovane, e di molti di noi, è di tipo esistenziale: le sue sicurezze erano fondate su cose materiali, su cose che si potevano toccare...il giovane ricco infatti ha commesso un errore gravissimo quello di vedere nel Maestro un bene fra gli altri, da collezionare insieme agli altri... "Cosa devo fare per avere la vita eterna?" In fondo se fare attenzione la domanda non ha nulla a che fare con la persona di Cristo...ma mira solo ad acquisire nuovi beni, come se per avere la vita eterna bisognasse azionare un semplice meccanismo...o vi fosse una serie di rituali da seguire...

No cari fratelli, non è nelle cose materiali che sta la nostra felicità...questo è un grande inganno!!! Badate bene come la nostra società consumistica e il nostro benessere ci fanno passare per normale ciò che normale non è....
Ad esempio...non tutti sanno che, i moderni psicologi per curare persone con grandi sensi di colpa e traumi infantili, per curare le depressioni invitano i pazienti ad uscire di casa e comprare oggetti... Stiamo parlando di persone ferite, persone con grandissime mancanze d'amore...e cosa gli si offre? un oggetto... Ma ci rendiamo conto??? Così ingannano doppiamente il paziente legandolo ad una dipendenza dai beni maeriali dalla quale difficilmente usciranno!!!
I beni materiali non leniscono le ferite...semmai le procurano...I beni materiali non aprono all'amore...semmai ti allontanano dall'Amore...e così la persona sofferente, bisognosa solamente d'amore, bisognosa di Dio e delle Sue cure...si andrà a rifugiare in beni terreni, in amori carnali...in paradisi artificiali...e questo perchè? Perchè nessuno ha avuto il coraggio di rirgli "Ho la cura che fa per te! Si chiama Gesù...si Gesù, medico e medicina...lui è Dio e ti ama! Lasciati curare dal Suo Amore!!! Lasciati attraversare dal suo sguardo pieno d'amore....riponi in lui le tue paure, le tue insicurezze, le tue mancanze d'amore..e lui ti guarirà...fascerà le tue ferite, ti curerà con il balsamo speciale del Suo Amore infinito! Riponi in lui tutto te stesso e abbi fiducia...confida in Lui!" Ecco la Verità!!!!
Non dobbiamo fissare gli occhi su beni finiti, sulle cose del mondo...non dobbiamo tenere gli occhi puntati sul quanto ci costa seguire Gesù...ma ciò che Gesù ci chiede...è corrispondere a quel Suo sguardo...
"Gesù fissatolo lo amò". Gesù mi ama! Gesù ti ama! Gesù ci ama!
Fissiamo lo sguardo in Cristo e allora vedremo, giorno dopo giorno, che nessun sacrificio per quanto grande possa essere sarà mai troppo costoso...se ci porta a vivere in Lui, per Lui, con Lui!

Daniele