Fede e soggettivismo

Fede e soggettivismo, come mai questo titolo vi starete chiedendo?

La spiegazione è presto data, è ormai sotto gli occhi di tutti una subdola mentalità volta all’affermazione di un diffuso laicismo nel mondo perfino in paesi che hanno secolari tradizioni cattoliche. Questo pur non passando attraverso un esplicito attacco alla Chiesa, ne mina comunque silenziosamente le fondamenta. Sempre più Cristiani vengono a contatto con dottrine che non hanno niente di Cristiano e che tuttavia camuffate mirabilmente prospettano loro un perfetto sincretismo…ed in questo modo, non è raro imbattersi in un cristiano che sia un convinto sostenitore della dottrina della reincarnazione, o simpatizzante di filosofie esotiche quali il Buddismo e lo Zen.
Ve ne sarete accorti, di questi tempi se ne vedono di tutti i colori…
Poveri noi, verrebbe da dire, cosa penserebbero gli antichi Padri del Deserto? E tanti santi difensori della fede?

Di sicuro dopo l’iniziale incredulità,costoro, che giustamente non hanno avuto bisogno di null’altro all’infuori di Cristo per professarsi Cristiani, si saranno messi di buona lena a pregare per questa generazione…che rischia di perdere di vista il fulcro della Fede, Dio stesso nella persona del Figlio Unigenito Gesù Cristo!
Avete presente quelle scatole preconfezionate di minestroni che si trovano nei supermercati?
Dentro ci potete trovare un po’ di tutto…carote, piselli, fave, fagioli, spinaci, scarola e chi più ne ha più ne metta. Allo stesso modo il Cristiano di oggi si trova sempre di più a fare i conti col supermarket della Fede, in cui mescolare dottrine, filosofie, religioni per poi prenderne gli aspetti più interessanti, è ormai cosa tutt’altro che sbagliata! E così non è raro trovare Cristiani che non credono nella divinità di Cristo, che non credono che Cristo è corpo mistico della Chiesa, che considerano Cristo un profeta e che perfino …tenetevi forti, affermano, che Cristo è un energia! Al supermarket della Fede ci sono grandi saldi in questi tempi e c’è grande fermento perché naturalmente è tutto gratis! E’ il tempo della religione fai da te, che ricorda un po’ il lego…il gioco delle costruzioni che quando ero piccolo mi divertiva tanto, e così ognuno ha il suo bel castello rigorosamente diverso dall’altro! Ma dove sono finite le istruzioni? Saranno chiuse in qualche cassetto…
Non è un discorso delirante, è una pericolosissima realtà che dobbiamo combattere con energia affermando con decisione la verità che conosciamo, l'unica Verità,ovvero che Gesù Cristo è Dio e che veramente morto e Risorto per noi un giorno ritornerà! Facciamoci portavoce della Verità con la Parola di Dio tra le mani e lo scudo della Fede, contro ogni freccia diabolica.

Che a tutti noi, cari fratelli il Signore conceda, come all’apostolo Paolo (2Tm 4,7) di poter dire: "Ho combattuto la buona battaglia, ho terminato la mia corsa, ho conservato la vera fede"; cattolica, apostolica, romana.

Ci avviamo a un’epoca cari amici, in cui il bene prezioso della fede è messo alla prova. Molti perdono la fede, ma questo non è certamente l’unico problema. Il dramma della fede perduta, il dramma di coloro che volgono le spalle al Cristo è un dramma grave e doloso; ma oggi la fede è sottoposta a un’altra prova non meno difficile e ciò le possibilità di aderire a una falsa fede. Infatti oggi c’è una diffusa tendenza al soggettivismo: la fede cristiana viene limitata ad alcune verità selezionate, altre verità si scelgono e si ricavano da altre fedi religiose; le religioni vengono presentate tutte come vie di salvezza di pari valore, tutte uguali, ed è in atto il tentativo di allestire una sorta di “supermarket” delle religioni. In questo clima spirituale, anche il cattolico, invece di ritenere la sua fede come l’unica vera fede e la sua Chiesa, la Chiesa Cattolica, come l’unica vera Chiesa, può essere spinto a selezionare le verità dal “supermarket” religioso e a prendere soltanto quelle che gli fanno comodo. Scegliere e decidere soggettivamente le verità religiose in cui credere è un altro modo di naufragare nella Fede. >>. ( dal DIES IRAE I giorni dell’Anticristo di padre Livio Fanzaga)

Daniele