C'erano una volta i cattolici...

C'erano una volta i cattolici, quelli che si definivano tali poichè amanti della verità di Dio e della Chiesa, corpo di Cristo. Dicevo c'erano una volta, non perchè ora si siano estinti, quanto piuttosto perchè con l'affermarsi di certi assurdi pensieri capita di sentire (sempre più spesso) aberranti definizioni quali: cattolico liberal, catto comunista, cattolico progressista, cattolico tradizionalista, create ad hoc per dare un tocco di originalità ad una definizione che (secondo loro) puzzerebbe di vecchio.

Ma si, basta un aggettivo e via...mi faccio il mio cattolicesimo.

E allora cosa succede?

Che aggiungendo un magico aggettivo posso giustificare tutti i comportamenti che voglio! Posso giustificare perfino i miei peccati...

Un lussurioso, per giustificare i suoi comportamenti si batterà contro gli eterni comandamenti di Dio e non sopporterà "moralismi" di alcun tipo (anche se si parla di una sana e retta morale), il superbo, non sopporterà essere contradetto dalla Parola di Dio o da quella del Suo Vicario, l'ignavo non prenderà mai posizione riguardo a tematiche fondamentali e si vergognerà di testimoniare Cristo, l'accidioso penserà che tanto la grazia è gratuita e che preghiera, moritificazione e ascesi sono elementi trascurabilissimi e che in fondo anche di alcuni sacramenti si può fare a meno, l'invidioso si scaglierà contro coloro che vivono santamente la propria vita cristiana, l'iracondo si sentirà autorizzato a sputare ad ogni occasione fuoco e veleno mettendo zizzania laddove può, l'avaro condannerà le indulgenze scagliandosi contro la corruzione e la presunta ricchezza del clero (ignaro della reale condizione) e non di rado penserà : "La maggior parte dell'8 per mille dovrebbe essere dato ai paesi poveri", ma qualora lo stesso dovesse incontrare un povero per strada...lo scanserebbe inesorabilmente con il classico: "Non ho soldi..." tanto, oggi, per stare apposto con la coscienza bastano due SMS prepagati (per carità nobilissimi) comparsi in sovraimpressione durante un paio di trasmissioni televisive.

E così via...

Può capitare, in questa "assurda" favola che vi sto raccontando, che ci siano cattolici osservanti e cattolici non osservanti...

Non vi sembra un controsenso? Come se Cristo avesse detto ad alcuni di seguirlo ad altri di fare come volessero garantendo però gli stessi diritti e la stessa gloria...

"Sei cattolico?" Si

"Vai a messa" No...

E allora come fai a definirti tale ovvero come colui che in Comunione universale con i fratelli e con Cristo decide di donare la propria vita per la causa dell'Amore e della Verità, un solo corpo in una Chiesa che è corpo Mistico di Cristo capo di questo corpo?

Senza Eucaristia come puoi essere uno in Cristo insieme ai tuoi fratelli?

"Forse vai a messa durante le grandi festività, ma preghi?"

"Vado a messa a Natale, alle Palme e a Pasqua, ma ho talmente tanti impegni durante il giorno che non riesco a pregare"

Trascurando il triste fenomeno di coloro che vanno a messa la Domenica delle Palme solo per portarsi la palma benedetta a casa a mo di superstizioso portafortuna, ma la Domenica non è forse la più grande festività??? Non dicevano forse i Martiri di Abitene "Senza la Domenica non possiamo vivere?".
Eppure, ogni giorno può essere Domenica ogni giorno può trasformarsi in festa, perchè ogni giorno Cristo si incarna, rinnova la sua offerta per tutti...

Che assurda indifferenza davanti a questo immenso miracolo...
Andiamo spesso alla ricerca di carismatici...cerchiamo "quello con le stigmate", "quell'altro col carisma di guarigione" e non vediamo il Miracolo più Grande, davanti ai nostri occhi, Cristo che si fa carne e sangue per venire in mezzo a noi, per guarire le nostre infermità!!!

Finiamola inoltre con la balla colossale del non trovare tempo per pregare...è una scusa vecchia come il mondo! Il tempo per uscire e passeggiare, per andare in palestra, per parlare al telefono con gli amici, per giocare e per fare shopping etc.. però lo trovo sempre!

E a Dio...se va proprio bene 2 minuti quando non ho niente da fare!

Bella gratitudine nei confronti di Colui che ti ha creato e dato la vita, per Colui che ti ha redento e liberato dalla schiavitù del peccato..dalla morte!!!

Ritornando alla nostra favola, c'erano una volta i cattolici...

Quelli che quando il Papa parlava avevano le lacrime agli occhi, quelli che con ammirazione ascoltavano le parole dei loro pastori, quelli che dedicavano molto tempo alla preghiera personale memori di quel "Pregate sempre,senza stancarvi mai" (Luca 18,1), quelli che denunciavano apertamente il male, quelli che erano disposti a dare la vita per la causa di Cristo, quelli che non si vergognavano di parlare di Cristo e per questo venivano derisi e lapidati, quelli che la vita la proteggevano fin dal concepimento, quelli che difendevano i valori della famiglia...l'unica...quella formata da un uomo e una donna (e già Signore mio, perchè ora bisogna pure specificare, altrimenti si rischia di freintendere), quelli che in famiglia pregavano, quelli che difendevano il Magistero dall'attacco dei soliti eretici, quelli che a messa ci andavano ogni giorno e che nell'Eucaristia ci credevano veramente...quelli..quelli...e noi?

Oggi c'è chi si professa cattolico per guadagnare consensi, voti e platee...

C'è chi si definisce cattolico e mette la firma sullo sterminio di creature innocenti...

C'è chi si definisce cattolico, ma opera per la distruzione della famiglia in odio alla Chiesa, alla parola del Vicario di Cristo, al Magistero ed anche (diciamolo) a 25 anni di materni richiami!


Ci sono cattolici massoni, cattolici spiritisti, cattolici occultisti...come se cattolico fosse niente di più che un etichetta, alla quale posso aggiungere le parole che preferisco.

Che stoltezza....

Torniamo ad essere Cattolici e scopriremo miracolosamente che nessun aggettivo può specificare l'immensa grandezza dalla totale adesione a Cristo, alla Sua Parola, alla Sua Volontà!

Signore ti prego per la conversione di tutti coloro che continuano testardamente a considerarsi cattolici e che, come novelli Giuda, operano nefandezze di ogni tipo. Manda il Tuo Spirito su tutti loro, soffia con potenza, perchè le scaglie davanti ai loro occhi non si inspessiscano ancora, ma cadano inesorabilmente davanti alla Tua Luce...
Irradia la Luce della Verità, la Luce del Tuo Amore nei loro cuori, ma anche nei nostri spesso tiepidi ed insensibili...
Cambia i nostri cuori, aiutaci a comprendere cosa significa veramente professarsi cristiani cattolici! Amen

Daniele