I mezzi di comunicazione

Carissimi in seguito alle vostre riflessioni, mi vengono in mente alcune meditazioni che già da tempo serbavo nella mia mente
Che i mezzi di comunicazione possano essere straordinari strumenti per avvicinare al Signore è vero, ma che essi possano portare effetti totalmente inversi è purtoppo la realtà attuale.
Tutto è dono del Signore come giustamente detto, ma è importante tenere in considerazione anche luso che se ne fa di questo dono. Il nostro secolo è leclatante e lampante esempio di come lutilizzo errato dei mezzi di comunicazione possa portare a deleterie, per non dire disastrose conseguenze conosciamo bene infatti i due totalitarismi che sparsero fiumi di sangue in questo secoloe conosciamo altresì limportanza che ebbero i mezzi di comunicazione allora ai primordi per attirare le masse
Per entrare più profondamente in merito al ruolo della tv ai nostri giorni è utile a mio avviso utilizzare la straordinaria parabola evangelica dei frutti
Se la Tv è lalbero, dai frutti si riconosce se la Tv è o non è buona E i frutti non sono certamente buoni.
Per comprendere questo, basta accendere la tv ad un qualsiasi orario e vedere cosa esso ha da proporci Si passa dai programmi di cucina, agli oroscopi, dai reality show ai cartoni animati, dai cartomanti ai film, in una girandola di immagini no stop che lasciano poco o nessuno spazio alla meditazione o alla preghiera Non vorrei demonizzare la tv se non fosse che luso che attualmente se ne fa è veramente diabolico!
Con lintroduzione recente dei reality show inoltre si vuole non solo omologare le masse, ma renderle totalmente dipendenti dalla tv, da far si che gli spettatori rimangano il più tempo possibile attaccate alla tv per ore e orelimitando a zero ogni pensiero a Dio.
Le ripercussioni che la tv porta nella società sono a mio avviso grossolane e deleterie Basti pensare alle mode, tutte dipendenti dalla tv e dai modelli che essa propone, un altro esempio è quello del linguaggio, che si avvale di termini coniati appositamente da programmi televisivi, o ancora la creazione continua di idoli, adorati alla stregua di dei pagani,idoli su idoli, in tutti gli ambienti ormai, nello sport, nella musica, nel cinema senza rendercene quasi conto la tv ha creato una fabbrica di idolialtro che vitelli doro e divinità pagane!!! Per avere le idee ancora più chiare sulla tvtraggo uno spunto dal libro di padre Pellegrino Ernetti, esorcista, libro dal titolo "La catechesi di satana" (prefazione di padre Gabriele Amorth), come trovate scritto da pagina 156 a pagina 160 5) La televisione... uh, la televisione... e' il mio apparecchio, l'ho inventato io.. per distruggere le singole anime e le famiglie... le separo, le disgrego con i programmi miei, sottilissimi e penetranti... uh, la televisione e' il centro di attrazione dove attiro anche tanti preti, frati e suore, specialmente nelle ore piccole e poi non li faccio piu' pregare: ahahahahahah... In un attimo mi presento in tutto il mondo... mi ascoltano e mi vedono tutti... mi aiutano assai bene i miei fedeli servi, i maghi, le streghe, cartomanti, chiromanti, astrologi... ahahahahahah...!
E riflettendo su queste terribili parole ci accorgiamo come esse siano vere
Pensiamo alla generazione dei nostri nonni, o leggiamo il libro di qualche Santo per scoprire che quando la famiglia si riuniva alla sera, a cena si parlava della giornata trascorsa e prima di andare a dormire si pregava tutti uniti il Rosario e quanta pace cera nel cuore di queste famiglie che rimanevano unite tutta la vita
Ora tutte le famiglie che hanno la fortuna di trovarsi insieme intorno ad una tavola la prima cosa che fanno è accendere la tv e girare la testa verso questapparecchiolimitando limportantissimo dialogo, discutendo di cose futili ed eliminando completamente la preghierae una famiglia che non prega, è difficile che rimanga unitaI risultati di tutto ciò? Sono sotto gli occhi di tutti, aumentano i divorzie come mai? Siamo diventati cattivi? No, semplicemente abbiamo fatto il gioco del maligno assecondandolo nei suoi perversi piani.
Un altro esempio di come i mezzi di comunicazione (stampa e tv) hanno influito in particolare su di noi e sulla crescita degli adolescenti in particolare ci è dato da questo articolo.
"Nel 1953 negli USA, la Massoneria concepì "un suo piano" per corrompere su vasta scala tutta la gioventù americana. Vi si legge: "Abbiamo cominciato a realizzarlo e lo perfezioneremo con i seguenti mezzi: il cinema, la pubblicazione-porno a buon prezzo, i libri comici con storie di sesso e di violenza; ultimo mezzo, ma non il più piccolo, la televisione.non osiamo andare troppo lontano con la televisione, per il momento. Ma essa ci riserva un uditorio immenso, e sarà il mezzo migliore per accostare i bambini. Il nostro piano è di incoraggiare da prima delle rappresentazioni amorose, se non subito immorali, così graduando progressivamente la malvagità, tutta calcolata, si avrà il possesso di tutta la gioventù. Sarà tenuta occupata tutto il giorno, senza lasciare spazio per la religione. Così, i giovani, al loro risveglio e al loro coricarsi a sera, avranno la testa piena di cow boys, di omicidi, di terrori, di cartoni animati inoffensivi. Tutto questo per allontanare dal loro animo immagini religiose. Così, i bambini saranno disorientati per anni. Poi, quasi occasionalmente, si introdurranno costumi sfrontati e scene licenziose allo scopo di distruggere il senso della modestia" Ed era il 1953, oggi rileggendo quanto scritto, non possiamo dire che questa previsione si sia realizzata? Apriamo dunque bene gli occhi e chiediamo la luce del discernimento che solo lo Spirito Santo è in grado di donarci, affinché con sguardo illuminato sappiamo vedere gli inganni del nostro tempo e sapervi rinunciare pronunziando il nostro deciso e definitivo NO

Daniele